Monete virtuali a rischio

bitcoin
Da anni ormai si parla di monete alternative o complementari soprattutto come stratagemma che, almeno secondo gli ideatori di queste forme di valuta, dovrebbero risolvere i gravi problemi macroeconomici.

La più diffusa di queste monete (stando ai dati forniti gestirebbe circa l’80 per cento delle transazioni globali di moneta virtuale) è stata senza dubbio il Bitcoin, una moneta elettronica creata nel 2009 da un anonimo conosciuto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto.

A dimostrare i rischi che tali sistemi comportano, l’arresto di Mark Karpeles, amministratore delegato della società di cambio dei Bitcoin MtGox. La polizia di Tokyo lo ha arrestato con l’accusa di aver falsificato dati attraverso accessi illegali al sistema computerizzato che gestiva gli scambi. Una alterazione che avrebbe contribuito, se non causato, il crack della moneta virtuale e alla sparizione di Bitcoin per circa 390 milioni di dollari. Tutto aveva avuto inizio a febbraio dello scorso anno quando Karpeles aveva annunciato uno stop ai prelievi giustificando questa decisione a causa di un virus informatico che aveva infettato il sistema rendendolo vulnerabile le transazioni. Successivamente aveva riferito di aver “ritrovato” 200mila degli 850mila Bitcoin spariti in un “cold wallet” elettronico.

Contemporaneamente al suo arresto in Giappone, anche le autorità statunitensi hanno avviato una procedura nei confronti di Karples che si è rifiutato di comparire negli Usa per dare spiegazioni sul crack di MtGox.

C.Alessandro Mauceri

Tag
C.Alessandro Mauceri, Bitcoin, Karples, MtGox

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...