Melon jelly

Gelo_di_mellone_in_coppette

Italian food can be really simple to cook ….and very tasty…. This sicilian recipe is very old, it seems it has originated from the Albanians, who lived in Sicily before as farmers, then as an army. Some argue instead for the presence of jasmine and pistachio recipe has Arabic origins….. Ingredients: • A liter of juice of watermelon • 100-200 gr of sugar (depending on the natural sweetness of the juice) • 90 gr of wheat starch • Cinnamon powder to taste • Chopped pistachios taste • Chocolate chips • Some jasmine flowers. Cut into pieces watermelon and pass it up to extract a liter of juice. Strain the juice to remove seeds and pour it little by little in a pot, mixing wheat starch sieved until obtaining a liquid cream. Combine the sugar compound, place the pan on the stove over medium heat and stir carefully until the frost of watermelon do not thicken and take on a more intense colour (10-15 minutes). After that, remove it from the fire and put it into small cups or glasses. When it became cool enough, put on the surface chocolate chips, the chopped pistachios and one jasmine flower per cup. Cool the frost of watermelon in the refrigerator for as long as necessary to take more or less the consistency of pudding and ….eat it with your friends…..

L’Expo e il Made in Italy contraffatto….

parmigiano

L’Expo 2015 avrebbe dovuto essere, almeno secondo gli ideatori, una vetrina soprattutto per le aziende italiane. Una dimostrazione dell’estro e dell’originalità delle imprese nazionali.

Il problema è che, in barba agli accordi internazionali in materia di originalità e di nazionalità di un prodotto, è proprio l’originalità di buon parte dei prodotti venduti nel mondo come “italiani” a non essere affatto garantita. E proprio sui prodotti agroalimentari. Secondo uno studio di Coldiretti, in almeno un quarto dei paesi che espongono i propri prodotti all’Expo 2015 vengono regolarmente realizzati e venduti prodotti alimentari che imitano (più o meno apertamente) prodotti Made in Italy. Prodotti come la salsa “ligure” prodotta in Tailandia o la SauceMaffia prodotta in Belgio fino al kit per produrre artigianalmente, magari a casa propria, il Parmigiano Reggiano. E la lista continua: Parma cheese prodotto e venduto in Canada, tortelloni con la polenta realizzati in Austria e prosciutto San Daniele del Canada.

Secondo Coldiretti il patrimonio culturale italiano non è fatto solo di monumenti: “Ad essere sfregiato nel mondo è anche il Made in Italy alimentare, dallo sfruttamento di antipatici stereotipi per fare marketing sulla pelle degli italiani alle maldestre rivisitazioni di antiche ricette, dalla ridicolizzazione di storici processi produttivi ai nomi storpiati, dalla banalizzazione delle denominazioni fino ai piatti tricolore inventati di sana pianta”, ha detto il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo.

Un elenco, quello delle violazioni e delle copie del Made in Italy, più o meno pacchiane, che sembra non finire mai: si va dal bordolino bianco, tipico vino italiano prodotto in Argentina, al Parma Salami Genova prodotto in Messico, dal barbera bianco fatto in Romania alla “pomarola” che viene dal Brasile fino al Prosecco e Parmesan fatti in Russia (e venduti con tanto di etichetta in caratteri cirillici).

Prodotti che spesso vengono commercializzati in tutti i paesi del mondo con una tracotanza che rasenta l’inverosimile: alcuni paesi hanno pensato addirittura di esporli nei loro padiglioni dell’Expo 2015 dove negli stand stranieri sono comparsi prodotti con scritte come Prego “Italian Style” o “Original Italian Recipe” o “Perfect italiano”.
Il tutto senza che né gli accordi internazionali né le autorità competenti né le aziende danneggiate possano fare molto per fermare questi attacchi. Secondo Coldiretti, solo negli Stati Uniti il 99 per cento dei formaggi di tipo italiano è realizzato in California, Wisconsin e nello Stato di New York. E i loro nomi richiamano esplicitamente prodotti nazionali come Mozzarella, Ricotta, Provolone, Asiago, Pecorino Romano, Grana Padano o Gorgonzola.

Un sistema (non si tratta di casi isolati ma di una prassi usuale e comune a moltissime aziende) che, anche grazie alla liberalizzazione degli scambi e dall’apertura delle frontiere, comporta un danno per le aziende italiane che Roberto Moncalvo in oltre 60 miliardi di euro (e trecentomila posti di lavoro).
Frodi e falsificazioni che spesso non si limitano alla contraffazione del marchio, ma vanno oltre fino a mettere seriamente in dubbio la sicurezza di questi alimenti…..

C.Alessandro Mauceri

Mondiali scherma: oro per l’Italia

Grande successo degli italiani ai Mondiali di scherma appena conclusisi a Mosca: le squadre del fioretto, sia in campo femminile sia tra gli uomini, si sono aggiudicate la medaglia d’oro. Il ‘Dream Team’ femminile composto da Arianna Errigo, Elisa Di Francisca e Martina Batini ha sconfitto nettamente la Russia (che schierava in squadra la neo campionessa del mondo dell’individuale Inna Deriglazova). Si tratta del terzo successo consecutivo dopo i successi di Budapest nel 2013 e di Kazan dello scorso anno.

Anche la squadra maschile è tornata a sorridere (dopo il bronzo dello scorso anno): Andrea Cassarà, Andrea Baldini, Daniele Garozzo e Giorgio Avola hanno superato 45-38 la quadra di casa.

Un successo che non è il solo anche nelle altre categorie, gli azzurri hanno ottenuto ottimi risultati. A cominciare dalla sciabola dove gli italiani hanno battuto i padroni di casa, interrompendo lo strapotere della sciabola russa e tornando sul gradino più alto del podio dopo venti anni, dal Mondiale de L’Aja nel 1995.

Anche gli spadisti sono arrivati a un passo dal podio: nella finale per il terzo e quarto posto sono stati sconfitti dalla Svizzera per 38-24, dopo che in semifinale gli azzurri erano stati sconfitti dall’Ucraina, vincitrice del titolo iridato.

C.Alessandro Mauceri

Nuclear weapons anniversaries.

In the last days several “anniversaries” occurred, all referred to the same subject: nuclear weapons.

A handout photograph of the Hiroshima A-bomb Dome photographed by the U.S. military following the atomic bomb drop on Hiroshima that killed over 140,000 people on 06 August 1945. The building, originally Hiroshima Prefectural Industrial Promotion Hall, was just160 meters northwest of the hypocenter. The skeletal structure of the dome standing above the city's ruins was a conspicuous landmark and has now become known officially as the A-bomb Dome.     A PEACE MEMORIAL MUSEUMHANDOUT  ANSA

On July 9th 1955, eleven scientists, (and most of them Nobel awarded), signed the “Russell-Einstein Manifesto”: “Given that in a future world war, would certainly been used nuclear weapons, and that such weapons threaten the survival of humanity, we strongly ask all governments of the world to comprehend that their purpose cannot be pursued through a world war and therefore we insist that they can find peaceful ways to resolve all their disputes”.
Scientists launched this appeal looking at what had happened a few years earlier.

Exactly seventy years ago, on July 16th 1945, Americans made their first test of nuclear weapons, at military base of Alamogordo in Nex Mexico. Less than one month later, on August 6th, the United States of America decided to drop the atomic bomb on Hiroshima, Japan. Three days later, another bomb was dropped on Nagasaki. A decision that caused one to two hundred thousand of victims and most of them were civilians. Deaths that could have been avoided because the war was already decided. USA decision to drop the two atomic bombs on Hiroshima and Nagasaki was the result of the decision of the USA to assert their military power.
A power that, seventy years later, seems to exist no more: nowadays United States of America are the example of a country strong with the weak and weak with the strong.

Three days ago, on July 14th, Iran and the so-called “5 + 1” countries, i.e. the members of the UN Security Council with veto possibility (UK, France, US, Russia and China, and joined Germany), signed an agreement for non-proliferation of nuclear weapons in this Middle Eastern country. An agreement that (progressively) provides the end of international sanctions imposed on Iran in the last years. Now Iranian capacity to develop nuclear bombs is definetly cut for at least 10-15 years. Iran will start to market oil and other goods and can make use of the funds that had been blocked by the imposition of sanctions.

A decision that many have presented as the success of international diplomacy. The truth is that today, as reported in SIPRI (the largest and most trusted international organization in the field of weapons and arms) data, nine countries still have nuclear weapons: the United States of America, Russia, United Kingdom, France, China, India, Israel, Pakistan and the North Korea. Half of them have signed the New Start Treaty (which provided for the reduction of nuclear weapons), but over 93% of their nuclear weapons are still there (and regularly updated and operative).
Five of the countries that own nuclear weapons (US, Russia, China, UK and France, all countries who eventually have nuclear weapons and that in many cases they have risen) promised to reduce their quantity. But the number of nuclear weapons hasn’t been reduced: France, according to SIPRI data, in 2014 owned 300 nuclear missiles: in 2015, their numbers is exactly the same. Something similar happened in the USA: in 2014 nuclear weapons were 7300, in 2015, they have been reduced of 0.5 percent. Instead, missiles of Chinese army have grown up (from 250 in 2014 up to 260 in 2015).

UN has never initiate any procedure for nuclear proliferation for these countries. Neither was never declared any embargo for them.

And no embargo exists against other countries that have nuclear weapons. India, Israel, North Korea and Pakistan have never signed any non-proliferation treaty. India, Israel and Pakistan have a nuclear arsenal dangerous and they are actually engaged in armed conflict (Israel against Palestine and India against Pakistan).
C.Alessandro Mauceri

Tasse, tasse e ancora tasse

tax-increase

Renzi non perde occasione per cercare di convincere gli italiani che, da quando c’è “lui”, le tasse sono diminuite, che il prossimo anno non si pagherà più l’Imu (dimenticando di aggiungere che le tasse sugli immobili si pagheranno sempre solo con un altro nome) e simili. Si ostina a cercare di convincere gli elettori. Ma gli italiani ormai sembrano non credergli più: gli ultimi sondaggi parlano di un gradimento in continuo calo per le decisioni prese dal PD (poco al di sopra del 33per cento e scende a un ritmo vertiginoso).
“Niente nuove tasse né tagli ai servizi nel Documento di economia e finanza per il 2016. Chi ne parla dice cose false. Capisco che non siate abituati, ma da quando siamo al governo è così. Ricorderete la misura degli ottanta euro”. Queste le parole pronunciate dal premier, Matteo Renzi, durante la conferenza stampa subito dopo il primo esame del Def da parte del Consiglio dei Ministri.
Come al solito, a smentirlo sono i numeri. La Tari, ad esempio, dal 2008 ad oggi è aumentata del 100per cento (ad affermarlo è Confesercenti) e, solo nell’ultimo anno (ovvero da quando c’è il nuovo che avanza), è aumentata del 20 per cento: un regalino che è costato agli italiani circa dieci miliardi di euro.
Secondo un’analisi condotta dal Centro studi di Unimpresa, sui dati contenuti nel Documento di economia e Finanza approvato il 10 aprile scorso dal consiglio dei ministri, quello che attende gli italiani, nei prossimi anni, è un consistente aumento delle tasse: una stangata da oltre 100 miliardi di euro in cinque anni. Stando al documento approvato dal governo, si avrà un costante aumento delle entrate tributarie e previdenziali fino a 881 miliardi di euro. A cominciare proprio dal 2015 quando entrate tributarie e previdenziali saliranno a quota 785,9 miliardi. Altro che ridurre le tasse: gli italiani verranno spolpati fino all’osso.
Già lo scorso anno, Renzi aveva promesso che, grazie alle sue scelte (imposte a colpi di ddl e voti di fiducia), il carico fiscale sarebbe diminuito. I numeri dimostrano che non ha mantenuto la promessa: in media la pressione fiscale è stata del 43,5 per cento, tra le più alte al mondo.
Secondo lo studio condotto dalla Cgia che ha confrontato la pressione fiscale dei principali Paesi Ue nel 2014, gli italiani hanno pagato quasi mille euro (904 per l’esattezza) di tasse più degli altri europei. La verità è che il carico fiscale italiano è tra i più alti dell’Ue. Tra i paesi Ue, la pressione fiscale più elevata si riscontra in Francia: a Parigi, il peso complessivo di imposte, tasse, tributi e contributi previdenziali è pari al 47,8 per cento del Pil. Seguono il Belgio, con il 47,1 per cento, la Svezia, con il 44,5 per cento, l’Austria, con il 43,7 per cento e, al quinto posto, l’Italia. Ma c’è un dato di cui la statistica non tiene conto: in molti dei paesi in cui il carico fiscale è maggiore i servizi sono efficienti (basti pensare a Svezia e al Belgio). In Italia, invece, spesso gli italiani sono costretti a pagare le tasse due volte (quante volte, ad esempio, non sono stati costretti a preferire lo specialista a pagamento piuttosto che il medico della mutua?).
“Per pagare meno tasse – ha detto Paolo Zabeo della Cgia – è necessario che il governo agisca sul fronte della razionalizzazione della spesa pubblica; con tagli agli sprechi, agli sperperi e alle inefficienze della macchina pubblica”. E, invece, chissà come mai di riduzione della spesa pubblica non si parla mai.
La verità è che, nonostante le promesse preelettorali di Renzi, le tasse aumenteranno. E già dal 2015: “Entro il prossimo 30 settembre”, ha continuato Zabeo, “a seguito della mancata autorizzazione dell’Unione europea all’estensione del reverse charge alla grande distribuzione, il Governo dovrà reperire altri 728 milioni di euro, altrimenti è previsto un aumento delle accise sui carburanti di pari importo”.
In poche parole, altre tasse.
C.Alessandro Mauceri

Il debito greco lo pagheranno gli italiani….con le loro tasse

Greece-Debt-2-400x291

Mentre il capo del governo è ormai in piena campagna elettorale, c’è chi, invece pensa alle conseguenze che avranno sulle tasche degli italiani gli aiuti concessi alla Grecia.
Ormai non passa giorno senza che il premier non lanci una delle sue promesse. Promesse come quella che eliminerà l’Imu. Renzi ha dimenticato di dire che ciò non vuol dire che gli italiano non pagheranno più le tasse sugli immobili, ma solo che le si chiamerà con un altro nome. Un trucchetto già utilizzato più volte in passato e che ha permesso ai governanti di turno di aumentare il carico fiscale complessivo nascondendo tutto dietro la necessità si “innovare”. È stato così con il passaggio da Ici a Imu e poi Tari e Tasi. E così sarà anche con la Local Tax.
Una bramosia mediatica che a volte sfiora la non credibilità. Secondo il corrieredelcorsaro.it, il premier avrebbe detto: “Non è assolutamente vero che con il mio governo la disoccupazione è aumentata, sono i giornali che fanno i conti come gli pare. Ma il mio lavoro e quello dei miei colleghi non finisce qui, il bello deve ancora venire: se a Natale ci sarà ancora un solo disoccupato Italiano mi dimetto”. Incredibile (e infatti nessuno ha creduto a queste parole, ammesso che sinao state realmente pronunciate).
Ma le parole più importanti come sempre sono quelle che i vari esemplari di homopolitics non dicono. Ad esempio, nei giorni scorsi tutti si sono vantati di aver slavato la Grecia dalla bancarotta (se davvero è così è presto per dirlo). Nessuno ha detto che i soldi che l’Ue ha già versato nelle casse delle banche elleniche (e gli altri che arriveranno in seguito), dovranno uscire dalle tasche dei contribuenti, anche di quelli italiani.
L’Italia partecipa al MES (Meccanismo europeo di stabilità), il cosiddetto “Fondo salva Stati”, per il 17,9%. A conti fatti quindi il governo dovrà versare alle banche greche (soldi che, secondo un recente studio condotto da ricercatori internazionali, lì resteranno) qualcosa come 15,4 miliardi di euro. Ciò significa che mediamente ogni italiano dovrà uscire dalle proprie tasche poco meno di 400 euro. Una cifra consistente, specie considerato che questo è solo un valore statistico medio e che, dato che il numero dei non contribuenti è in costante crescita, questi soldi dovranno essere prelevati da un numero di contribuenti reali ben minore. Ciò significa che una famiglia di quattro persone, nei prossimi mesi dovrà uscire non meno di duemila euro in più di tasse. Soldi che serviranno al governo per rifinanziare il proprio investimento nella Grecia. Un investimento che comporta un alto rischio. Alto non meno di altri investimenti come i derivati (non a caso altri Paesi come la Germania, che pure continuano a tenere nelle casse delle proprie banche montagne di derivati, non investono più sulla Grecia: da anni gli investimenti delle banche tedesche si rivolgono ad altri mercati).
Grazie alla manovra salva-Grecia appoggiata da Renzi, sul collo di ogni italiano peseranno investimenti ad alto rischio per non meno di 1.925 euro, che, per una famiglia di tre persone adulte, significa 5.775 euro.
Non poco, specie in questo momento di vacche magre. Ma di questo ovviamente nessuno ha detto niente agli italiani ….

C.Alessandro Mauceri

Pizza ma non “made in Italy”

Da secoli (le sue origini risalirebbero addirittura alla fine del primo millennio d.C.) la pizza è uno dei simboli della cucina italiana. Un pezzo di pizza è un pezzo di Italia. anzi di più. Tanto che nei giorni scorsi (il 26 marzo 2015) è stata presentata formale richiesta per la candidatura della pizza come Patrimonio dell’Umanità (nella “Lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità”).
Peccato che, sempre più spesso, a cucinare la pizza non siano più pizzaioli italiani. Secondo un’indagine condotta dalla Coldiretti e i cui risultati sono stati diffusi nei giorni scorsi, in Italia più di 4 pizzaioli su 10 sono stranieri. Degli oltre 100mila i lavoratori (cui vanno aggiunti però altri 50mila nei fine settimana), solo 65mila sono italiani. Tra gli stranieri principalmente egiziani (20mila) e marocchini (oltre 10mila).
Un dato che danneggiare l’Italia non solo dal punto di vista dell’orgoglio: quello delle pizzerie è un business che solo in Italia vale oltre 10 miliardi di euro. Ogni giorno nel Bel Paese si sfornano oltre 5 milioni di pizze per un totale di un miliardo e mezzo all’anno secondo la Fipe, la federazione degli esercenti che aderisce a Confcommercio).
Un settore che potrebbe subire un danno non indifferente dalla perdita di qualità. Non a caso, sempre secondo Coldiretti, i maggiori consumatori di pizza non sono gli italiani (al secondo posto con una media di 7,6 chili a testa), ma gli statunitensi che ne consumano, in media, 13 chili per persona all’anno, quasi il doppio degli italiani.
Il rischio è che anche in Italia possa accadere quello che già da tempo avviene in Francia dove, qualche mese fa, è scoppiato uno scandalo dopo che è stata diffusa la notizia che il menu di un terzo dei ristoranti è in realtà prodotti da grandi catene alimentari e poi, dai ristoratori, semplicemente scaldato prima della consumazione. Per questo in Francia, il ministro del Turismo ha proposto la creazione dell’etichetta “fait maison” per distinguere i ristoranti che cucinano da quelli che si limitano a scongelare.
Forse, tra non molto, anche in Italia sarà obbligatorio apporre un’etichetta sulla porta d’ingresso della pizzeria per indicare in quali pizzerie si fa la pizza “italiana”.
C.Alessandro Mauceri

Cucina italiana, pizza, Patrimonio dell’Umanità, Coldiretti, Fipe, C.Alessandro Mauceri

Tsipras ha vinto il referendum, ma sta tradendo il suo popolo

“Penso che sarà una riunione piuttosto difficile: sui contenuti e ancor più sulla fiducia”. Così il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ministro delle finanze dell’Olanda ha sintetizzato “l’agenda” dei lavori del vertice dei ministri sulla Grecia. “Ci sta ovviamente un grande problema di fiducia – ha detto – le questioni chiave verranno affrontate oggi”.

Come al solito, si cerca di trovare scuse per giustificare scelte politiche che in realtà sono meramente economiche. Le banche, soprattutto quelle europee, hanno perso la loro fiducia nella Grecia già da molti anni. Lo dimostrano i numeri diffusi dalla Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) che dicono che gli investimenti delle banche in Grecia sono ai minimi storici, segno che gli investitori non hanno più fiducia nella ripresa di questo Paese.

Ma in realtà, a ben guardare quelli che non dovrebbero più avere fiducia nella Grecia, anzi, per essere più precisi, nel premier Alexis Tsipras, dovrebbero essere proprio i greci. Prima si è fatto eleggere promettendo di fare, se necessario, la rivoluzione. Poi, mentre faceva vedere di stare sbattendo i pugni sul tavolo, ha accolto passivamente le richieste della Troika: prima ha accettato che non fosse più Varoufakis il Ministro delle Finanze. Poi ha presentato un piano di risanamenti che sembra la copia esatta di quello che Banca Centrale Europea (BCE), Fondo Monetario Internazionale e Commissione Europea avevano cercato di imporre ai greci solo qualche settimana fa. Non a caso questo piano sarebbe stato redatto dal nuovo ministro delle finanze, Euclid Tsakalotos, con l’aiuto di esperti francesi, “un’assistenza inestimabile”, secondo quanto riferito da fonti attendibili riportate dal Guardian.

Un piano che i greci avevano detto chiaramente di non volere: era proprio questo l’oggetto del referendum. Con il referendum dei giorni scorsi (come potete leggere qui) non veniva chiesto ai greci se volevano uscire dall’Euro o dall’Unione Europea, ma solo se lui doveva accettare le richieste della Troika (il trio costituito da Banca Centrale Europea, Fondo Monetario Internazionale e Commissione Europea). E il popolo aveva detto chiaramente No. E cosa ha fatto Tsipras?

Ha presentato un piano economico che somiglia molto, forse troppo, a quello che solo pochi giorni prima il popolo aveva detto di non voler accettare. Un piano, molto probabilmente, insostenibile per le finanze greche. (Vista la montagna di falsità che sono girate sulla rete nei gironi scorsi, chi volesse leggere il documento ufficiale della proposta del Parlamento greco può leggere qui).

Secondo il piano portato a Parigi da Tsipras, aumenterà l’IVA sul catering e sui ristoranti, fino quasi a raddoppiare (al 23% mentre era al 13%); e così quella degli hotel (che passerà dal 6.5 al 13%). Aumenteranno le imposte caricate sugli armatori (altro settore vitale dell’economia e ora in crisi) e la tassa sui beni di lusso passerà dal 10 al 13%. Tutte le imprese locali, già in crisi, pagheranno di più: dal 26% al 28%. Saranno aumentate le tasse sugli immobili (dopo che verrà fatta la revisione catastale) e sparirà il contributo di solidarietà per pensionati.

Ma non basta: Tsipras ha chiesto 12 miliardi di euro invece degli otto previsti. In un Paese in cui manca la liquidità, aumentare del 50% questa somma non servirà a rilanciare l’economia. Anzi peggiorerà la situazione e non poco: quei soldi, ammesso che a Parigi si decida di prestarli, finiranno subito nelle ‘casse’ delle banche creditrici e solo in minima parte potranno servire alla gestione della cosa comune (figurarsi al rilancio dell’economia). Per contro, però, aumentare il prestito (il piano di aiuti richiesti all’Esm, l’European Stability Mechanism, ammonta complessivamente a 53,5 miliardi di euro nel prossimo triennio) farà lievitare in modo più che proporzionale gli interessi che il popolo greco sarà chiamato a pagare da qui a poche settimane. In altre parole, peggiorerà la situazione e non poco.

In questo modo lo stato dell’economia della Grecia non potrà che peggiorare. E questo Tsipras non può non saperlo. Nel 2014 la Grecia aveva avuto una crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL) del +0,8 per cento; dopo le elezioni di Tsipras era stata prevista, per il 2016, una crescita del 2.9 per cento. Dopo il fallimento della politica di questi giorni le stime del governo greco parlano di un -3 per cento per il 2015 (e la situazione potrebbe essere ancora peggiore se continuerà la chiusura ingiustificata e ad oltranza delle banche).

Una gestione politica, quella di Tsipras, che appare inspiegabile anche al suo stesso partito: sebbene il Parlamento greco abbia approvato il piano da presentare a Parigi e abbia dato mandato a Tsipras di chiudere l’accordo con i creditori  (a favore della mozione hanno votato 251 deputati su 300, i no sono stati 32, otto le astensioni), la minoranza interna al partito ha parlato di un piano “non in linea con il programma”, ed anche il ministro per l’Energia e lo Sviluppo, Lafazanis, si è detto contrario.

Un piano di aiuti che, prima ancora di sapere se verrà approvato o no dalla Troika, avrà certamente gravi conseguenze pesanti. La prima è che Tsipras perderà consensi. Quanti di quelli che erano in piazza Syntagma domenica scorsa e che hanno festeggiato l’esito del referendum, faranno lo stesso dopo aver letto la proposta di Tsipras?

Ma non basta. Tsipras ha detto a chiare lettere che la Grecia non uscirà dall’Euro: gli economisti più blasonati (inclusi diversi premi nobel) da anni continuano a ripetere non solo che gli aiuti ricevuti dalla Grecia sono finiti nelle tasche, anzi nelle ‘casse’ delle banche, ma anche che il problema è aver ceduto la propria sovranità monetaria. E, invece, prima ancora di partire per Parigi e prima ancora che si votasse per il referendum, il capo del governo greco ha ribadito che di uscire dall’Euro e dall’Unione Europea non se ne parlava.

Ma la cosa più importante, forse, è un’altra. Ciò che sta avvenendo in Grecia ha già avuto (e la cosa potrebbe peggiorare ulteriormente) conseguenze rilevanti su tutti i gruppi indipendentisti europei dal movimento guidato della Le Pen, in Francia, a Podemos, in Spagna, e molti altri: se gli indipendentisti greci che sono riusciti ad ottenere la maggioranza non mantengono gli impegni assunti con gli elettori, cosa potranno mai fare quelli degli altri Paesi dove, a fronte di risultati notevoli, di maggioranza assoluta non si parla nemmeno?

La verità è che nei giorni scorsi, e ben prima che il piano presentato da Tsipras venisse discusso e votato, la Troika aveva già vinto: ha dimostrato che i partiti indipendentisti non sono stati capaci di rispettare la sovranità popolare e agire in modo indipendente neanche dopo che la maggioranza assoluta della popolazione aveva dichiaratamente affermato di essere dalla loro parte, cioè di essere pronta a seguirli. Anche dopo il referendum (e dopo l’analisi del team di esperti internazionali che avrebbe giustificato anche teoricamente, proposte ben diverse al tavolo negoziale), Tsipras ha accettato i “suggerimenti” di altri esperti esterni, quelli che a Parigi gli hanno imposto di piegarsi al volere dei grandi gruppi finanziari.

Dopo aver visto ciò, chi realmente gestisce l’UE non potrà non sentirsi sempre più padrone di ciò che non gli appartiene: gli europei.

Le riserve idriche potabili presto non basteranno più, ma nessuno ne parla

Di acqua ormai sembra che parlino tutti. Addirittura pare che se ne dovesse parlare anche all’Expo 2015. Del resto che senso avrebbe organizzare una manifestazione internazionale come l’Expo 2015 intitolata “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” e poi non parlare di acqua? Sul sito ufficiale si è parlato anche delle manifestazioni correlate all’Expo e legate all’acqua. Manifestazioni che si sono svolte nell’ambito di Aquae Venezie 2015: la Giornata mondiale dell’Acqua, il Festival dell’Acqua, le Case dell’acqua. Una sorta di fiera nella quale si è dedicato ampio spazio a iniziative ludiche e ricreative (“parco giochi per bimbi sui gonfiabili”, “cooking show”, “i pesci del Veneto si presentano”, “la via della Seta attraverso le immagini” e simili – come riportato sul sito ufficiale).
Iniziative sempre rigorosamente accompagnate da cene luculliane, degustazioni, spettacoli e fuochi d’artificio, ma che non avranno alcun effetto sul “problema acqua”.

Del “problema acqua” ha parlato anche il Papa che, nell’Enciclica “Laudato si”, ha ricordato ai cristiani che “l’accesso all’acqua potabile e sicura è un diritto umano essenziale, fondamentale e universale, perché determina la sopravvivenza delle persone e per questo è condizione per l’esercizio degli altri diritti umani”. Per Papa Bergoglio “il problema dell’acqua è in parte una questione educativa e culturale, perché non vi è consapevolezza della gravità di tali comportamenti in un contesto di grande iniquità”. Secondo il Pontefice è indispensabile un “consenso mondiale che porti, ad esempio, a programmare un’agricoltura sostenibile e diversificata, a sviluppare forme rinnovabili e poco inquinanti di energia, a incentivare una maggiore efficienza energetica, a promuovere una gestione più adeguata delle risorse forestali e marine, ad assicurare a tutti l’accesso all’acqua potabile”.

La realtà è che, al di là di manifestazioni, feste, ricchi premi e cotillon, l’acqua potabile comincia a scarseggiare. Non si tratta di catastrofismo. A lanciare l’allarme è stato l’Ordine dei Geologi: già oggi, “nel mondo, un miliardo e 600 milioni di persone vive senza e in Italia le perdite della rete idrica sono del 35% all’anno, per un costo di 200 milioni” ha detto Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi. E le cose, in barba alle promesse fatte anno dopo anno, sembrano peggiorare rapidamente: “Senza politiche adeguate si rischia di arrivare entro pochi anni a tre miliardi di persone che non hanno accesso all’acqua potabile. Una considerazione alla quale vanno aggiunti gli sprechi e l’uso di materiale inquinante”. Secondo Graziano, un italiano su tre ha problemi con i depuratori, e dai rubinetti l’acqua esce ‘a singhiozzo’, soprattutto al Sud. A questo bisogna aggiungere l’inquinamento del 40% di fiumi e laghi che produce gravi emergenze ambientali e sanzioni economiche da parte dell’Ue.
Una situazione che in Italia, ma anche nel resto del mondo, è resa ancora più grave dall’inquinamento e dalla cattiva gestione degli impianti. Come è possibile ciò in un mondo che è principalmente coperto d’acqua? Il problema è che oltre il 90% delle acque della terra è salato. Meno del 5% è dolce e ancora meno è potabile. Ma non basta: delle acque dolci il 70% viene destinato all’irrigazione agricola, 20% all’industria e solo il 10% serve per dissetare l’uomo.
Come ha detto qualche anno fa Maude Barlow, “la popolazione mondiale è triplicata nel XX secolo, ma il consumo di acqua è aumentato di sette volte”. E con la crescita della popolazione è aumentata non solo la domanda di acqua potabile ma anche di cibo e, quindi, del fabbisogno d’acqua per l’agricoltura e l’allevamento. Secondo la Fao è evidente come “il diffuso degrado e la crescente scarsità delle terre e delle risorse idriche stiano mettendo a rischio un gran numero di sistemi di produzione alimentare chiave in tutto il mondo, costituendo una seria minaccia alla possibilità di riuscire a sfamare una popolazione mondiale prevista raggiungere i 9 miliardi di persone entro il 2050”.
Uno scenario drammatico che non è una previsione, ma uno stato di fatto: già oggi circa 2,4 miliardi di persone – un terzo della popolazione mondiale – non ha accesso a servizi igienici adeguati (a dirlo sono l’UNICEF e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel rapporto “Progress on Sanitation and Drinking-Water 2013”). E di questi, 761 milioni usano servizi igienici condivisi o pubblici e 693 milioni utilizzano servizi igienici che non rispettano i requisiti minimi di igiene.
«Questa è un’emergenza non meno sconvolgente di un grande terremoto o di uno tsunami» ha dichiarato Sanjay Wijesekera, Responsabile UNICEF per i programmi su Acqua e Igiene. «Ogni giorno centinaia di bambini muoiono per colpa delle precarie condizioni igieniche».
Uno stato che è destinato a peggiorare nel tempo. Per due motivi: se è vero che la popolazione e la domanda di acqua potabile crescono costantemente, per contro, è pur vero che la quantità a disposizione non aumenta (anzi, come vedremo, diminuisce).
A ciò bisogna aggiungere un altro fattore non meno importante: i maggiori responsabili dei consumi e dell’inquinamento sono i paesi in via di sviluppo. E, dato che le industrie sono le maggiori responsabili del consumo di acqua e dell’inquinamento delle sorgenti, è proprio questo processo di industrializzazione e di “sviluppo” che sta peggiorando lo stato delle acque. Oggi, il paese che vanta il triste primato delle acque inquinate, è lo stesso che ha la crescita più alta del proprio Pil: la Cina, dove però, ogni anno, 360 miliardi di metri cubi di acqua, il 26% delle acque inquinate in tutto il mondo, diventano inutilizzabili a causa dell’eccessivo inquinamento.

Nel 1995, Ismail Serageldin, vice presidente della Banca mondiale, lanciò l’allarme: “Nel prossimo secolo le guerre scoppieranno per l’acqua”. Sono trascorsi vent’anni dalla sua premonizione e molti esperti mondiali pensano che l’acqua è un problema geopolitico in fase di gestazione, una mina che potrebbe scoppiare da un momento all’altro. Un allarme che va di pari passo con la crescita demografica e con le migrazioni di massa: in un mondo in cui vivono miliardi di persone, l’acqua è orami un bene paragonabile all’oro: l’oro blu. Non a caso, da alcuni anni, i maggiori investitori delle varie borse mondiali hanno cominciato a investire in “acqua”.

Un problema di cui nessuno, però, parla seriamente. A volte si parla del problema della “fame nel mondo”, di “nutrire il pianeta”. Forse sarebbe giusto che si cominciasse anche a parlare anche della “sete nel mondo”. Stranamente, però, di questo, nè all’Expo 2015 nè nelle manifestazioni per l’”acqua”, a Milano, a Venezia o in altre parti del mondo, non parla nessuno.

C.Alessandro Mauceri

Tag
Acqua, Expo 2015, Aquae Venezie 2015, Papa Bergoglio, Ordine dei Geologi, Gian Vito Graziano, Maude Barlow, UNICEF, Organizzazione Mondiale della Sanità, “Progress on Sanitation and Drinking-Water 2013”, Sanjay Wijesekera, Ismail Serageldin, C.Alessandro Mauceri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: